CASA FILIPPIDE

DISABILITA'

Progetto #PORTEAPERTE sul “dopo di noi”.

“Casa Filippide” di cui la nostra cooperativa Progetto Filippide Lombardia onlus è ideatrice e gestore, è una realtà sociale che opera sul territorio della Martesana dal 2011 e che ha la sua sede legale e operativa nel Comune di Cassina de’ Pecchi.

La nostra “mission” è la co-progettazione in sinergia con le famiglie per l’inclusione sociale di ragazzi disabili affetti da patologie neurologiche, autismo e ritardi cognitivi medio-gravi.

Siamo una realtà dinamica grazie alla collaborazione costante con i nostri stakeholders sia interni alla cooperativa che esterni.

Il mondo della disabilità negli anni ha fatto passi da gigante ma persistono delle incognite legate proprio alla tematica del dopo di noi.

Questo è un tema che abbiamo a cuore proprio per la mancanza di presa in carico da parte delle Istituzioni, che fino ad oggi si sono limitate a piccoli investimenti economici, lasciando il grosso della progettazione sulle spalle delle famiglie.

L’esperienza maturata dalla nostra realtà sociale che dura ormai da 5 anni, ci ha visti protagonisti di progetti di week end social, dove i ragazzi hanno potuto svolgere gare podistiche fuori regione, partecipato ad eventi del territorio, sono diventanti maschere nel teatro comunale, impegnandosi in percorsi di autonomia e di gestione fuori dal nucleo famigliare con ottimi risultati.

Dai risultati ottenuti e dalla ricaduta sociale di questi interventi abbiamo deciso di concretizzare questa esperienza trasformando i week end social in percorsi di convivenza fuori dalla famiglia anche durante la settimana.

Il progetto #PORTEAPERTE quindi si occuperà di convivenza abitativa protetta rivolta a persone con certificazione di disabilità grave che risponde alla Legge 104 art.3.

Questo progetto di vita indipendente coglie le indicazioni della Legge n.112/2016 “Dopo di noi” promuovendo una nuova sinergia tra famiglie, Terzo Settore e realtà profit e enti del Territorio (come la parrocchia), offrendo così una maggior possibilità rispetto allo sviluppo di progetti socializzanti ed inclusivi.

Il primo obiettivo del progetto sarà quello di un primo piccolo nucleo famigliare composto da ragazzi tra i 21 e i 24 anni, con disabilità differenti e con progetti individuali diversi ma tutti volti all’autonomia nel rispetto delle loro peculiarità.

Per questa progettazione è stata fondamentale la partecipazione attiva della Parrocchia di Cassina de’ Pecchi che ha messo a disposizione un appartamento di circa 110 mq in comodato d’uso gratuito, di sua proprietà, sito a Sant’Agata Martesana frazione di Cassina de’ Pecchi – Mi.

L’appartamento ha però bisogno di una rivisitazione sia per quanto concerne i bagni che gli infissi e per un nuovo arredamento più idoneo ai bisogni e alla necessità dei ragazzi disabili.

Per questo lanciamo la campagna #PORTEAPERTE  per una vita indipendente!