Associazione la mano del bambino

Assistenza sociale, sanitaria e socio sanitaria

Dal 2008 l’Associazione Mano del Bambino fornisce consulenza, assistenza e cure ai Piccoli Pazienti e 

supporta le loro Famiglie. Un aiuto per conoscere ed approfondire le complesse problematiche legate alle patologie della mano e dell’arto superiore, siano esse dovute a malformazioni congenite, paralisi 

cerebrali, periferiche o traumi.

 L’Associazione la Mano del Bambino riconosce nella mano il principale organo dell’apparato locomotore, essenziale per una normale vita personale, familiare, affettiva, psicologica, lavorativa, sociale, relazionale.

Lo Staff dell’Associazione “La Mano del Bambino” è composto da un’equipe multidisciplinare in cui sono presenti:

  • Chirurghi
  • Genetisti
  • Psicologi
  • Terapisti della mano pediatrici (fisioterapisti e terapisti occupazionali)
  • Neuropsicomotricisti
  • Infermieri pediatrici
  • Anestesisti pediatrici
  • Personale amministrativo

L’equipe prende in carico il piccolo paziente e la famiglia, accompagnandoli nel percorso chirurgico-riabilitativo che porterà ad un cambiamento morfologico e ad un miglioramento delle funzioni della mano.

La cura delle malformazioni prevede spesso uno o più momenti chirurgici per donare al Piccolo una mano utile, ciascuno di essi associato a un trattamento riabilitativo, spesso accompagnato dell’utilizzo di tutori con funzione preventiva, correttiva o funzionale. L’atto chirurgico, pur fondamentale in termini anatomici e ricostruttivi, è soltanto una tappa del lungo cammino terapeutico. La fisioterapia associata alla neuropsicomotricità, sotto la guida di un terapista della mano pediatrico e di una neuropsicomotricista, sarà fondamentale per insegnare al Bambino il corretto inserimento dell’arto operato nello schema corporeo per consentire lo svolgimento delle varie attività della vita quotidiana.

La presenza dello psicologo durante il percorso terapeutico è fondamentale, poiché accompagna e supporta, sin dalla prima visita chirurgica, il binomio paziente-famiglia nell’elaborazione e maturazione della patologia, anche in vista del confronto sociale.

L’equipe pediatrica si avvale inoltre di consulenze esterne fisiatriche e genetiche al fine di un adeguato inquadramento diagnostico e un corretto trattamento, specialmente quando la patologia si inserisce in un quadro sindromico complesso.

*English Version*

Since 2008, “Associazione La Mano del Bambino” has been providing advice, assistance and care to Little Patients and their families. We help acknowledge and understand the complex problems related to the hand pathologies and upper limb, whether due to congenital malformations, paralysis, cerebral, peripheral or trauma.

 The “Associazione La Mano del Bambino” recognizes the hand as the principal organ of the musculoskeletal system, essential for a normal personal, family, emotional, psychological, working, social and relational life.

The staff of the “La Mano del Bambino” Association is a multidisciplinary team in which there are:

  • Surgeons
  • Geneticists
  • Psychologists
  • Pediatric hand therapists (physiotherapists and occupational therapists)
  • Neurodevelopmental Disorders Therapist
  • Pediatric nurses
  • Pediatric anesthetists
  • Administrative staff.

The team takes care of the child patient and his family. The objective is to guide them in the surgical-rehabilitation process that leads to morphological change and functions improvement.

The treatment of malformations often involves one or more surgical moments to give the child a usable hand. Each stage is associated with a rehabilitation treatment, often accompanied by braces with a preventive, corrective or functional function. The surgical act is essential but is only the first stage of the long therapeutic journey. It is physiotherapy, associated with neuro psychomotricity, that teaches the correct insertion of the operated limb in the body scheme and allow the child to do all various daily life activities.

The psychologist, during the therapeutic process, is essential. He accompanies and supports, from the first surgical visit, the patient-family binomial. He also helps in the development and maturation of the pathology and guides them to face social confrontation.

Finally, the external physiatrist and genetic consultations provide an adequate diagnostic and treatment framework, especially when the disease is part of a complex syndromic framework.

Facebook: